You are currently browsing the tag archive for the ‘Holonomikon’ tag.

Che anno hanno avuto Holonomikon e il suo blogger? Da quando esiste (anno di grazia 2013), il 2019 è stato l’anno di maggiore attività del blog: una cosa che non avevo preventivato, ma che ho provato a pianificare in corso d’opera al meglio delle mie possibilità. Il che mi ha permesso, tra alti e bassi, di tornare a ritmi (quasi) confrontabili con quelli del glorioso, vecchio Strano Attrattore.

Questo è infatti il post numero 107 dell’anno solare, per un totale finora di 73.462 parole, con una media di 693 parole ad articolo. Sono particolarmente affezionato ad alcune delle cose che ho pubblicato quassù nell’ultimo anno. In particolare penso ai seguenti post:

A cui si aggiungono i post più apprezzati dai lettori, premiati dal numero di visite ricevute:

A mio insindacabile giudizio, è quanto di meglio ha offerto Holonomikon nel 2019. Sarà difficile ripetersi nel 2020 e per questo è inutile e dannoso fare dei propositi che finirei inevitabilmente per tradire.

Dimenticavo, il blog ha ospitato a puntate la riedizione di Orizzonte degli eventi, uno dei miei racconti più apprezzati dai lettori, ma ormai quasi introvabile, che è tornato finalmente disponibile a partire da questo link. Storia analoga per Red Dust, che è tornato disponibile grazie all’interessamento del Club GHoST in una nuova versione, ripulita e ripotenziata. Ma questo già non riguarda più il blog ed è quindi il caso di rimandarvi, per tutto il resto, al post di fine anno.

Ora, come diceva il Solitario di Providence, “Non è morto ciò che può attendere in eterno, e col volgere di strani eoni anche la morte può morire“. Dal canto mio, non lo so se torniamo per restare o solo per un saluto veloce. Però intanto il canale è riaperto e, anche se sono abbastanza certo che Cthulhu resterà sordo alle nostre preghiere, procediamo pure con i riti scaramantici del caso.

Photo Credit: Cthulhu Rising, by DeShadeE.

Numeri pressoché insignificanti per il mondo, ma significativi per il blogger. Perché è da qui che si parte per il 2015. Buona fine e buon inizio ai lettori olonomici!

Ecco un estratto:

Una metropolitana a New York trasporta 1 200 persone. Questo blog è stato visto circa 5.000 volte nel 2014. Se fosse una metropolitana di New York, ci vorrebbero circa 4 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Ecco quello che definirei un post di servizio. A un mese dall’apertura di Holonomikon, con un bagaglio di 14 post, le differenze tra il nuovo blog e il vecchio Strano Attrattore saranno piuttosto palesi, ma trovo utile riepilogare in un post le nuove regole.

Innanzitutto, le categorie erano ben 20 e nel tempo la classificazione si era stratificata a tal punto da rendere spesso inevitabile il ricorso a più d’una categoria per contrassegnare una blog entry. Scopo che, invece, dovrebbe essere assolto dai tag. Nella mia pianificazione del nuovo blog, ho pensato quindi di stringere il legame tra i tag e gli argomenti per tracciare il contenuto tematico dei vari post, usando invece le categorie come delle “etichette di genere”, ovvero i faldoni in cui li avrei archiviati se fossero stati appunti presi su carta, oppure gli scaffali su cui conservarli se fossero stati stampati in fascicoli.

Quindi, in prima battuta, un po’ come già fatto durante la proficua e utilissima parentesi – benché non popolarissima – di HyperNext (o almeno del suo primo ciclo-vita), ho pensato di ridurre le categorie al minimo necessario.

  • Imaginarium: una panoramica su letteratura (senza confini di genere), cinema, serie TV, arte e musica. In questa categoria appariranno recensioni, riflessioni, brevi saggi o segnalazioni.
  • Reality Studio: segnalazioni legate all’attualità o rimandi alla prospettiva storica. Qui potreste trovare considerazioni su eventi specifici, oppure notizie provviste (ai miei occhi, ovviamente) di connessioni ai territori dell’immaginario a cui siamo maggiormente interessati.
  • ROSTA: avvisi & novità che riguardano più da vicino l’attività del blog e del vostro blogger affezionatissimo.
  • Transizioni: articoli legati a tematiche scientifiche o tecnologiche, specie se promettono potenziali ricadute future oppure innescano un cortocircuito con il nostro immaginario di riferimento.
  • Agitprop: articoli di (vaga) critica sociale e (all’occorrenza) politica.
  • Connettivismo: spunti e riflessioni che possono interessare da vicino il movimento e la sua evoluzione.
  • Criptogrammi: varie & eventuali. In altre parole, potremmo dire: tutto il resto. Scrittura, estratti, work in progress, etc.

Il blog, com’è sotto gli occhi di tutti, è ancora in fase di allestimento. Manca per esempio ancora un blogroll, che metterò su al più presto. Tra le mie intenzioni ci sarebbe anche quella di realizzare post più agili rispetto alla media dei post dello Strano Attrattore. Come nella precedente esperienza, comunque, non cercherò di darmi una frequenza precisa di aggiornamento. Mal sopportando le gabbie, scriverò comunque appena potrò, sempre che ci sia qualcosa da dire. Quindi nessuna cadenza periodica, nel caso ve lo foste chiesti.

Inoltre, nei limiti della decenza, ci saranno dei recuperi/aggiornamenti dagli archivi del vecchio blog, in cui pescherò dagli argomenti a cui sono in qualche modo più affezionato e, se ce ne sarà occasione e modo, provvederò eventualmente all’integrazione con materiale nuovo di zecca.

Ma questo post nasce anche per raccogliere spunti, suggerimenti, consigli e preferenze. Quindi usate pure lo spazio dei commenti per farmi sapere come la pensate. E grazie in anticipo.

Direttive

Vivere anche il quotidiano nei termini più lontani. -- Italo Calvino, 1968

Neppure di fronte all'Apocalisse. Nessun compromesso. -- Rorschach (Alan Moore, Watchmen)

United We Stand. Divided We Fall.

Avviso ai naviganti

Mi chiamo Giovanni De Matteo, per gli amici X. Nel 2004 sono stato tra gli iniziatori del connettivismo. Leggo e guardo quel che posso, e se riesco poi ne scrivo. Mi occupo soprattutto di fantascienza e generi contigui. Mi piace sondare il futuro attraverso le lenti della scienza e della tecnologia.
Il mio ultimo romanzo è Karma City Blues.

Altrove in 140 caratteri

Unisciti ad altri 108 follower

luglio: 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: